AZIENDE TOP CLASS

PARTNER COMMERCIALI

PARTNER DI SERVIZI

PARTNER SPECIALI

15 febbraio 2016
Vigna e Olivo 2016 / La vigna e la viticoltura innovativa



Tutto pronto in Puglia per la quarta edizione di “Vigna e olivo, tra innovazione e sosten...

10 febbraio 2016
BUSINESS ENGLISH EDIZIONE 2016



 La Camera di Commercio di Foggia, in collaborazione con l’Azienda Speciale CE.S.A.N., or...

6 febbraio 2016
Olivo, Olio Evo e Salute



Si terrà a Molfetta presso sabato 06 febbraio 2016, presso il Garden Hotel, il forum distrett...

2 febbraio 2016
Produttività e redditività in cerealicoltura: punti fermi e nuove certezze



 A Foggia, cuore del granaio d’ Italia, si terrà il giorno 2 febbraio 2016 pr...

15 aprile 2016
Riflessioni sul futuro:un’agricoltura sostenibile a tutela del pianeta



 Il mondo agricolo ha bisogno di nuove chiavi di lettura per arrivare a uno sviluppo sostenibil...


Prezzi agricoli con rialzi

13-10-2016

Da Ismea l' analisi dell' indice dei prezzi agricoli relativi al mese di settembre


 Con i rialzi congiunturali di settembre (+2,1%), prosegue moderata la ripresa dei prezzi, ma i livelli restano sempre inferiori a quelli del 2015 ( -8,6%).

L'indice core segnala una deflazione di fondo meno marcata (-7,1%).
I contenuti rialzi riscontrati nei prezzi agricoli nella seconda metà dell'anno proseguono anche nel mese di settembre. L'analisi dell'Indice dei prezzi agricoli Ismea, che si è attestato nel mese in esame a 111,8 (base 2010=100), ha infatti evidenziato un dato congiunturale di crescita moderata dei listini (+2,1% rispetto ad agosto). 

Tuttavia il confronto su base annua mostra ancora un calo significativo (-8,6%): infatti a settembre 2015 l'indice aveva registrato un picco dei prezzi agricoli e di conseguenza il confronto risulta sfavorevole. La dinamica ribassista è stata più marcata per i prodotti delle coltivazioni (-13,0%), mentre i prezzi dei prodotti zootecnici hanno mostrato una migliore tenuta (-3,6%).

L'andamento ribassista appare meno marcato secondo l'Indice core (-7,1%). Questo indicatore, elaborato dall'Ismeaescludendo le componenti più stagionali e con quotazioni più variabili, quali frutta e ortaggi, ha infatti il vantaggio di cogliere la tendenza di fondo dei prezzi agricoli, smussando eventuali picchi positivi e negativi.  

Resta comunque evidente il prosieguo della tendenza deflativa nonostante i rialzi congiunturali del secondo semestre dell'anno.

La flessione dei prezzi all'origine si riflette sui prezzi al consumo di beni alimentari e bevande (inclusi alcolici): si è arrestata la crescita propulsiva dei prezzi degli alimentari non lavorati, ora pari allo 0,4%, mentre i prezzi della componente dei prodotti lavorati hanno riportato una variazione deflativa (-0,1%) (dati provvisori Istat settembre, indice FOODXT).

Tornando ai prezzi all'origine, Il dato tendenziale per i prezzi delle coltivazioni riflette dinamiche eterogenee dei vari segmenti produttivi. Continuano i forti cali nelle quotazioni dei cereali (-18,5%). Andamento ribassista anche per olii e grassi vegetali (-25,0%), con il prezzo dell'olio extra vergine d'oliva che perde 28,3 punti percentuali.

Tra i prodotti più stagionali, calano gli ortivi, per quasi tutte le tipologie di prodotto (melanzane, pomodori, insalate, legumi, patate, radici) ad eccezione delle zucchine (+8,0%).

Positivo invece il confronto annuo per le colture industriali (+8,0%, di riflesso alla risalita del prezzo dei tabacchi), e per i semi oleosi (le quotazioni della soia crescono del 5,6% su base annua). 
Relativamente alla frutta (+11,1% annuo), spiccano a settembre per rialzi nelle quotazioni i limoni, il cui prezzo è più che raddoppiato rispetto all'anno scorso (+157%), e la frutta a guscio (+14,9%).
L'analisi congiunturale indica che le variazioni più significative si registrano nei listini dei prodotti frutticoli (+6,4%), dei semi oleosi (-5,1%), e dei cereali (-4,6%).

Per il comparto zootecnico la tendenza risulta meno deflativa, beneficiando di una congiuntura relativamente favorevole al settore (+3,3% rispetto ad agosto). Scende il prezzo del bestiame vivo (-2,2%) per effetto di un generalizzato calo nelle quotazioni di bovini, cunicoli, ovi-caprini e volatili; il suino è l'unico allevamento a distinguersi per una crescita tendenziale del prezzo dell'animale (+13,0%). Relativamente ai prodotti lattiero-caseari, il calo delle quotazioni di 3,2 punti percentuali su base annua traduce i ribassi dei prezzi del latte (-9,0%) e dei formaggi molli, semiduri e fusi, non appieno compensati dalla risalita delle quotazioni del burro (+41,2% la variazione annua, sospinta da un rialzo congiunturale del +21,9%). I prezzi delle uova, anche a settembre, restano stabili su livelli inferiori di circa 20 punti percentuali rispetto a quelli del 2015. 

La ripresa congiunturale fa sì che migliori la variazione acquisita dei prezzi agricoli per l'intero 2016: il confronto con il dato medio del 2015 passa dal -7,1% registrato nel mese di agosto al -6,4% di settembre.  Migliora leggermente anche la variazione acquisita calcolata per l'Indice "core", passata al -6,8%, dal -7,4% di agosto.

 

Link Notizia:

Fonte:
Ismea

Fruit Innovation: la fiera dell'ortofrutta

 Innovazione e internazionalizzazione. E' attraverso il filtro di queste due parole-chiave che il progetto di Fruit Innovation, la fiera dell'ortofrutta che si terrà a Milano dal 20 al 22 maggio 2015 in contemporanea con Ex...

Export Vino, circolare per la semplificazione

 I documenti per l’export continueranno così ad essere predisposti direttamente in Dogana, anche in via cumulativa per più produttori o differenti prodotti, con sensibili risparmi di tempo ed economici per le imprese che espo...

La ripresa secondo New Holland

 «Non è stato un anno positivo». Al tradizionale appuntamento di fine anno, Marco Mazzaferri, al vertice di New Holland Italia, si presenta con sano pragmatismo e non nasconde le difficoltà di un 2013 davvero compl...

Arricchimento dei vini per la campagna vendemmiale 2013/2014

 Pubblicato nel Bollettino Ufficiale della Regione n.143 del 31 ottobre 2013 il Decreto dell’Assessore alle Risorse Agroalimentari n. 2/2013 per " Autorizzazione all’aumento del titolo alcolometrico volumico ...

Redditi fondiari, scatta la rivalutazione

 La legge di Stabilità per l’anno 2013 contiene numerose novità di carattere fiscale. Tra queste, l’ulteriore rivalutazione del 15% dei redditi dominicali e agrari per le dichiarazioni dei redditi dei periodi d’im...

PSR Puglia, ecco le domande bio ammesse alla fase istruttoria

 Con la determinazione n.178/2012 dell'Autorità di Gestione P.O. FESR 2007/2013 si approva l'elenco delle domande ammesse alla fase di istruttoria (All.1) relative al Bando 2012 PSR Misura 214 - Azione 1 - “Agricoltura Bio...